Cartoline dagli anni ’20 (Superzelda)

26 Apr

Gli anni ’20, i capelli alla maschietta, l’insubordinazione e la malattia. La biografia di Zelda Fitzgerald a fumetti racconta una storia simile a quella di Anaïs Nin: quella di una artista che ha cercato di superare le convenzioni e lo stesso atto di scrittura, facendo della propria vita stessa un’opera d’arte. L’adattamento di Lo Porto e Marotta si concentra particolarmente sullo stile di vita e sui viaggi, regalando cartoline in vignette da New York, Parigi e Roma.

Una merenda perfetta, se quella noiosa di Zelda non avesse protestato perché voleva champagne.   

Tuttavia quello che emerge di più dalla biografia è la forza della relazione con Scott: lo scontro caparbio tra i caratteri, la passione e le ripicche, i soldi al vento e le lunghissime lettere, la figlia, prendersi-mollarsi-riprendersi, gli amanti, gli ospedali, l’eterno movimento a elastico degli amori difficili.

Ritraendo questa Zelda forte, determinata, sopra le righe, a tratti un po’ antipatica ma traboccante di energie, Superzelda riesce nell’intento di suscitare interesse e curiosità per la sua opera – e invoglia a cercare Save me the waltz.

Superzelda, di Tiziana Lo Porto e Daniele Marotta, è edito da minimum fax.  Ma peccherei di omissione se non dicessi che in primis ho scoperto Zelda grazie al bellissimo blog Zelda was a writer.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: