Un segno invisibile e mio, e di Claudia, e di Aimee Bender

25 Mag

Lo confesso, inizialmente su questo libro ero scettica. Mi attirava, ma nello stesso tempo temevo fosse un po’ fru-fru gné-gné tivvibì. Poi l’ho letto, per tre motivi.

Il primo è che qualche mattina fa Claudia, senza neanche salutarmi prima, me lo ha appoggiato di fianco. (Claudia, appassionata di atlanti e carte geografiche, si è fatta anche  ispirare dal libro per alcune foto e se non conoscete ancora il suo lavoro, beh, scopritelo – rende gli occhi più felici).

Il secondo è che venivo da 500 pagine di psicanalisi e avevo bisogno di qualcosa di soft, di qualcosa da metro, di qualcosa più come una spugna che come uno specchio.

E il terzo è la copertina, che poi è quello che mi ha convinto di più – mai, mai sottovalutare la potenza della copertina! Il contrasto tra il vestito a pizzi e cuoricini e l’ascia affilata dietro la schiena, la curva delle braccia cicciotte e la freccia imperiosa della coda di cavallo sono stati irresistibili. L’ho letto in due giorni perché non si può che leggere in due giorni: avessi potuto, l’avrei letto di fila. E avevano ragione Claudia e la copertina: questo libro non è dolce-tenero-cupcake, questo libro è una mazzata (un’asciata) dritta dritta nello stomaco. Questo libro è un nodo di dolore e reazione ordinato per la successione di Fibonacci, è un saltello tra gli spigoli dei quadrati dei numeri dispari delle persone che se ne vanno, è la lucida precisione sferica dei riti dell’autodistruzione. E’ pensare intensamente di volersi mozzare un dito e andare a scuola e insegnare matematica ai ragazzini, letteralmente. La scrittura di Aimee Bender è potente anche per il modo in cui lascia cadere immagini e delicate. Come l’esercizio Numeri e Materiali, in cui i bambini di seconda elementare si mettono a portare oggetti a forma di numero, o fabbricarne. E di colpo ci si guarda intorno e si scopre che moltissimi oggetti sono a forma di numero. Che forse i numeri sono forme-di-base, come il cerchio o il triangolo.

Se vi scoprite a cercare numeri in giro, e a trovarli, provate Un segno invisibile e mio.

O chiedetelo a Claudia, che ve lo presta (se glielo riporto).

Annunci

Una Risposta to “Un segno invisibile e mio, e di Claudia, e di Aimee Bender”

  1. ClaudiaVanPelt (@ClaudiaVanPelt) maggio 25, 2012 a 11:39 am #

    il mio sogno è un uomo che mi neghi la possibilità di mangiare sapone!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: