Tag Archives: dea kali

Auto (e etero) consigli di lettura per il 2013

29 Gen

Il mio buon proposito per il 2013 è il drago a tre teste del leggere di più, scrivere di più, disegnare di più.

Per il leggere di più stavo per fare una follia e auto-propormi di leggere un libro al giorno per un anno. Per ora ho lasciato perdere (grazie, grazie razionalità che ogni tanto, per quanto raramente, fai capolino). Ma ho capito che mi serviva una qualche forma di agenda e quando ho ketto L’erba voglio de lepaginestrappate ho adottato l’idea al volo.

Il principio è molto semplice, ma efficacissimo: si tratta della lista dei libri che si vorrebbero leggere quest’anno. Un appunto scarabocchiato, senza passare sempre per le wishlist di Anobii e Amazon, e soprattutto condiviso: qui, in modo che tutti lo possano consultare e proporre suggerimenti. Ah: e in aggiornamento, ovviamente.

Quindi, in ordine strettamente casuale:

Il fuoco amico dei ricordi (Persecuzione e Inseparabili), Piperno;

Perciò veniamo bene nelle fotografie, Francesco Targhetta (che contende a Piperno il ruolo di Mio Prossimo Libro);

Biancaneve, Barthelme (sto già puntando la copia di Claudia ma non diteglielo ancora);

Cloud Atlas – L’atlante delle nuvole, David Mitchell (ho visto il film qualche giorno fa e mi ha imposto la lettura del romanzo);

Vita di Pi, Yan Martel (sempre lo stesso discorso della traduzione filmica);

Office Girl, Joe Meno (ah, la cultura hipster);

– How to Disappear Completely and Never Be Found, Doug Richmond;

Storia di un corpo, Pennac (in francese, però!);

– le lettere di Francis Scott e Zelda Fitzgerald;

La sicurezza degli oggetti, A.M. Homes;

– Blankets, Craig Thompson;

– tutto il manga Bakuman;

Fun Home, Alison Bechdel (ma anche Are you my mother?):

– la raccolta di Baronciani 1992-2012 (scoperta due giorni fa e subito oggetto di desiderio);

Come diventare se stessi – uno dei due DFW che ancora mi mancano;

Diario degli errori, Ennio Flaiano;

La famiglia Fang, Wilson Kevin;

Dio odia il Giappone, Douglas Coupland;

Rosalie Blum, Camille Jourdy (perché ho letto questo post).

…e tanti altri che mi verranno in mente. Ma voi, voi avete qualche consiglio? Scrivete, sono benvenuti!

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: