Tag Archives: josé saramago

Del riprendersi il Natale e del Vangelo di Saramago

16 Gen

DSC_0194

Un post che arriva volutamente in ritardo.

E’ stato, il mio, un Natale non così bianco: sulle montagne emiliane c’era poca neve e verso Roma, si sa, non nevica (tranne oggi!). E’ stato anche un Natale di tanto cibo, tanto sonno, tanta lettura. Un Natale di tantissimi presepi. (Vi vogliono portare in Emilia a Natale? Diffidate, è una trappola per fare il tour dei presepi! “Sciocchezze”, dite? Ah, ignari! ).

E’ stato un Natale molto Saramago. Il Vangelo secondo Gesù Cristo l’ha accompagnato benissimo. Ho trovato la coppia Gesù e José in tutte le statuine, nascosta tra la carta da regalo appallottolata, seduta tra le pietre del sagrato reatino. Il racconto ha dato al Natale il giusto passo, addirittura -forse- il giusto peso. Le dosi di umano e divino sono perfette. No, in questo romanzo Gesù non è solo umano. Lo è principalmente, e per quello è interessante.

Amo Saramago da molti anni, ma non avevo mai letto il Vangelo. Lo temevo troppo sdolcinato, troppo pesante, troppo cattolico. E invece no. Invece è spendido. E parla soprattutto alle persone come me – quelle che non si aspettavano di fare un tour dei presepi. Ma anche alle altre, credo: perché un quinto punto di vista può essere di aiuto.

Insomma, leggetelo. Ritrovate il vostro Natale. Anche dopo che l’albero di plastica è stato riposto nello scatolone. Anche adesso che “per un po’ è passato”. Forse è proprio ora che vi accorgerete di averne più bisogno.

***

Nella foto, la mia prima neve a Milano – eh sì, qualche anno fa.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: